riviste agricoltura, agricoltura biologica, giardinaggio, normativa comunitaria agricoltura, politica ambientale italiana, frutticoltura, viticoltura, coltivazione biologica

rivista agricoltura biologica, informazioni normativa agricola, libri agricoltura, coltivazione agricoltura biologica  
coltivazione ortaggi, rivista giardinaggio, frutticoltura, politica ambientale italiana
 
   

elenco prodotti in vendita
n°prodotti: 0
Totale: E. 0,00
cassa

chi siamo





agricoltura, coltivazione agricoltura biologica, rivista macchine agricole, mensile agricoltura, politica ambientale italiana, informazioni agricoltura, riviste agricole specializzate, potatura piante, lavori orto, coltivazione biologica, prodotti tipici agricoltura, turismo rurale, coltivazione vite, coltivazione olivo, coltivazione ortaggi, frutticoltura

Bruxelles: filo diretto
La news Elenco delle news Home page
Janusz Wojciechowski, sui Psr la Commissione Ue chiede troppo

Janusz Wojciechowski è il componente della Corte dei Conti Ue responsabile del rapporto speciale sulla programmazione dello sviluppo rurale. Secondo la relazione, la Commissione europea dovrebbe semplificare le procedure di valutazione e approvazione dei piani di sviluppo rurale in modo da accorciare i tempi di adozione e alleggerire il peso della burocrazia sulle amministrazioni nazionali e regionali. L'eccessiva complessità si ripercuote infatti sulla capacità di assorbimento dei fondi europei, come accade nel caso italiano esaminato, quello della Campania. Filmato a Bruxelles il 14 novembre 2017.




- La Corte dei Conti europea ha appena pubblicato un rapporto intitolato: "Programmazione dello sviluppo rurale: occorrono minore complessità e maggiore focalizzazione sui risultati".  

Quali sono le conclusioni del rapporto, quali le vostre raccomandazioni e cosa ci può dire del Psr italiano che avete esaminato?



- I Programmi di sviluppo rurale che la Commissione europea richiede dai paesi Ue e dalle regioni sono generalmente troppo complessi. La Commissione chiede troppo alle amministrazioni, in quanto non tutto ciò che domanda è necessario all'efficacia della spesa dei fondi europei per lo sviluppo rurale.

In secondo luogo, i programmi sono preparati troppo tardi. Ecco perché si ha difficoltà a spendere correttamente i finanziamenti e la spesa finisce per concentrarsi nelle fasi finali del periodo di programmazione.

Il terzo elemento delle nostre conclusioni è che la Commissione prepara le politiche del futuro senza avere una valutazione dei risultati conseguiti con quelle del passato. Questo modo di agire va cambiato e questa è la nostra raccomandazione più importante.

Per quanto riguarda l'Italia, ha lo sviluppo rurale regionalizzato e noi abbiamo compiuto un audit su un solo Psr, quello della Campania. Il programma di sviluppo rurale della Campania è uno dei più lunghi che abbiamo esaminato, 1190 pagine. Solo quello greco era più lungo, di due pagine.

Ma questa non è una critica alla Campania, è la dimostrazione di ciò che ho detto prima: la Commissione europea pretende troppo. Abbiamo riscontrato comunque un problema di assorbimento dei fondi.

Nel 2017 solo il 5% dei contributi totali, che ammontano a circa un miliardo, è stato speso e possiamo prevedere una cumulo della spesa nei prossimi anni. Questo è il problema principale per l'Italia e in particolare per la Campania. 

L'Informatore Agrario
Il settimanale tecnico ed economico di agricoltura professionale

 
 
Banca Dati Online Conosci la Banca Dati Articoli Online?
... scopri la notevole mole di contenuti digitali utili per la tua professione o la tua passione

esplora la banca dati online

la ricerca

trova 

© 2017 Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l. - Tutti i diritti riservati   
Ho capito Questo sito web utilizza i cookie. Maggiori informazioni sui cookie sono disponibili a questo link. Continuando ad utilizzare questo sito si acconsente all'utilizzo dei cookie durante la navigazione.